L’asparago

Per coloro che sono interessati all’argomento, riporto quanto è emerso da una ricerca di notizie da me fatta sull’apporto benefico degli asparagi, motivo per cui se ne consiglia il consumo.

cucina,ricetta,ricette,perchè consumare gli asparagi,proprietà benefiche degli asparagi,

 

Le caratteristiche positive e negative dell’asparago selvatico

 

Gli asparagi selvatici sono molto ricchi di sostanze protettive e stimolanti. Un

etto di asparagi fornisce quasi 25 milligrammi (la millesima parte di grammo)

di vitamina C (equivalenti a circa un terzo del fabbisogno giornaliero di un

adulto) e copre il 75% delle necessità quotidiane di acido folico, una vitamina

indispensabile per la moltiplicazione cellulare e la sintesi di nuove proteine.

Gli asparagi selvatici sono anche una buona fonte di caroteni (che nell’organismo

saranno poi trasformati in vitamina A, dotata di proprietà antiossidanti e

protettive della pelle e delle mucose che rivestono soprattutto le vie respiratorie

e l’apparato digerente) e di vitamina B2, necessaria per trasformare gli alimenti

in energia.

Questo vegetale può essere consumato, oltre che per la sua bontà, anche per

aumentare la fluidità del sangue, come rimineralizzante (buono il contenuto

in calcio e ferro, molto abbondante il potassio), per regolarizzare l’intestino

pigro, per stimolare la diuresi (grazie al già ricordato potassio e all’asparagina,

sostanza azotata tipica di questo vegetale) e per favorire in definitiva

la depurazione dell’organismo. Non va dimenticato tuttavia che il

consumo abbondante di asparago selvatico, come pure di quello coltivato,

è sconsigliato a chi soffre di insufficienza renale, di nefrite e di gotta per il

notevole contenuto di sostanze ricche di azoto.

(Paolo Pigozzi)

 

Ananas

ananas 019.jpg
L’ananas è un frutto coltivato nelle regioni tropicali, molto diffuso perchè allo stato fresco i frutti raggiungono tutto il mondo.

E’ una pianta che produce infruttescenze “pine” con un caratteristico ciuffo di foglie all’apice, di peso variabile da uno a dieci kg., e dalla polpa giallastra , ricca di succo profumato.

Si trova in commercio sia fresco che in scatola, apprezzato per il suo sapore caratteristico dovuto al suo contenuto in zucchero, acidi organici, vitamine A, B, C. Il succo fresco è ricco di un enzima dalle caratteristiche simili a quelle della pepsina dello stomaco, in grado di demolire le carni, per questo l’ananas è indicato come  contorno agli arrosti. Questo enzima (la bromelina) ha applicazioni come antinfiammatorio e antiedematoso.

L’ananas fresco si prepara affettandolo ed eliminando la scorza e la parte centrale, legnosa e immangiabile.

Si consuma tal quale o misto ad altra frutta (macedonie di frutta). E’ utilizzato per arricchire le insalate, per la preparazione di piatti particolari e di numerosi dolci.

Frutta secca

La frutta secca si divide in due categorie: glucidica e lipidica.

La frutta glucidica è ricca di zuccheri e povera di grassi. E’ ottenuta da frutta fresca essiccata o candita nello zucchero, costituisce un valido alimento specie nelle giornate invernali, per il suo elevato potere energetico. Essa fornisce un concentrato di sostanze nutritive sopratutto in carboidrati.

fruttasecca.-014.jpg

La frutta lipidica è ricca di grassi e povera di zuccheri. I grassi in essa contenuti sono prevalentemente monoinsaturi, quindi assumendoli in quantità moderate sono validi alleati per la nostra salute e il nostro benessere quotidiano.

L’aggiunta di piccole quantità di noci, mandorle, nocciole e arachidi all’insalata mista, oltre ad arricchirne il gusto riduce il rischio di cardiopatie.

frutta-secca.jpg

 

Cedro

cedri 002.jpgIl cedro è un agrume la cui pianta può raggiungere 4 metri di altezza, i boccioli dei fiori si presentano rossastri, ma diventano bianchi e profumatissimi quando si aprono. Il frutto si presenta di forma più o meno allungata, di colore giallo chiaro (il colore più intenso è sinonimo di eccessiva maturazione) e con la superficie piuttosto rugosa. La parte interna della scorza è bianca, soffice e abbondante.

Il cedro privato della parte gialla risulta molto gradevole al palato, si consuma a fette cosparse di poco sale. Se ne consiglia il consumo per regolare la pressione sanguigna e nei casi di anemia  essendo ricco di sali minerali e di vitamina C.

E’ impiegato nell’industria conserviera e di trasformazione che fornisce il settore enogastronomico (pasticcerie, gelaterie, liquorifici, ristoranti).

In casa è possibile preparare ottime marmellate e candire le scorze comprensive della parte bianca.

Arancio

arance 025.jpg

La pianta è originaria della Cina e dell’India; viene coltivata da noi nelle regioni mediterranee. Se ne conoscono molte varietà, ma quella più largamente coltivata è il citrus sinensis detta arancia dolce. I suoi fiori di colore bianco con il loro profumo caratterizzano la primavera, quando una esplosione di fioritura rende gradevolissima l’aria che si respira. Il frutto invernale è quanto di più generoso abbia potuto fornire la natura, infatti essendo ricco di vitamina C è considerato un valido antiossidante. Inoltre rinforzando le difese immunitarie è utile nella cura delle malattie da raffreddamento.

La pectina contenuta nelle arance aiuta ad abbassare il colesterolo e favorisce la circolazione sanguigna perchè rafforza i capillari.

Ci sono quindi tante buone ragioni per farne un largo utilizzo. E’ buona norma durante il periodo invernale consumare quotidianamente un succo ricavato da arance appena spremute.

In cucina si presta a varie preparazioni: dolci, liquori, marmellate, bucce candite. essenze, bevande.